Leggi di Ohm e Resistenza Elettrica

 

La resistenza elettrica è una grandezza fisica scalare che misura la tendenza di un conduttore ad opporsi al passaggio di una corrente elettrica. Questa opposizione dipende dal materiale con cui è realizzato, dalle sue dimensioni e dalla sua temperatura.
La resistenza è definita dalla prima legge di Ohm :

R = V / I

dove:
 R è la resistenza tra gli estremi del componente
 V la tensione a cui è sottoposto il componente
 I è l’intensità di corrente che attraversa il componente

Nel sistema internazionale l’unità di misura della resistenza elettrica è l’ohm, indicato con la lettera greca maiuscola omega: Ω.
La seconda legge di Ohm, permette di calcolare la resistenza di un conduttore elettrico a partire dalle sue caratteristiche fisiche e geometriche:

R = ρ l / S

dove

  • ρ è la resistività del materiale
  • l la Lunghezza
  • S la sua sezione

La resistività di un metallo aumenta all’aumentare della temperatura secondo la relazione:

ρ = ρ0[1 + α(T − T0)]

dove

  • ρ è la resistività
  • T la temperatura
  • ρ0 è la resistività del metallo alla temperatura
  • T0 di riferimento solitamente 20 C°
  • α è il coefficiente termico dipendente dal materiale.

Resistenze in serie

Si parla di collegamento in serie quando due o più resistenze sono collegate in modo da formare un percorso unico per la corrente elettrica che li attraversa.
La schematizzazione di più resistenze messe in serie nonché la resistenza equivalente alle resistenze:

Resistenze in parallelo

Si parla invece di collegamento in parallelo quando le resistenze sono collegate ad una coppia di conduttori in modo che la tensione elettrica sia applicata a tutti quanti allo stesso modo.
La schematizzazione di più resistenze poste in parallelo nonché la resistenza equivalente alle resistenze :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.